Gentile, invece, ce lo porteremo dentro per sempre. Perché a un certo punto ci fu bisogno di lui, per vincere quel Mondiale lì… Quello degli uomini straordinari.

Vincere un Mondiale è roba forte.
Per uomini straordinari.

Anche se poi la nostalgia prende il sopravvento: e quelli del 2006, per esempio, ci sembrano molto meno straordinari degli eroi di Spagna 82. Ma più dei Tedeschi del 2014: e degli stessi Francesi, campioni appena due mesi fa.

E’ sparita l’epica, ecco il problema.
E con l’epica, è inevitabilmente sparito tutto quello che di magico si portava dietro il gioco del calcio: quelle robe tipo la difesa della Juve.
Sissignori. Parlo di quella Juve lì… Con le righe sottili e il numero bianco inserito nella toppa nera.
Che vi piaccia o no, quella sì la Juve più forte di tutti i tempi: con buona pace di Buffon e Del Piero, di Nedved, Vidal e Pogba. Di Dybala e CR7.

Quella difesa era sensazionale, anche all’altoparlante.
Forse un filino sotto a quella di Sacchi e Capello, nel Milan degli “Invincibili”. Che complessivamente era addirittura migliore, ma che non ebbe mai il privilegio di diventare “filastrocca”, come toccò invece a loro, e alla Grande Inter del Mago (Sarti, Burgnich, Facchetti…).
Logico che a questi particolari ci stavamo attenti, quando eravamo ragazzi: “Zoff-Gentile-Cabrini” era in effetti una poesia bellissima, con tutti gli endecasillabi al loro posto.
Quasi una locandina da film, di quelli che andavano tanto di moda. D
Dove c’era sempre un buono (Scirea, ma anche Zoff). Un brutto, ma più spesso un bello: bello come il biondo Morini, ma soprattutto come Cabrini, quando arrivò a soffiare il posto a Cuccureddu.
E c’era anche un cattivo. E quel cattivo era Claudio Gentile, detto “Gheddafi”: perché era nato a Tripoli, il 2 settembre 1953, e nell’almanacco Panini era l’unico a vantare questo “cotè” esotico… Lui, e Desolati della Fiorentina: che invece era nato a Genk, in Belgio. Babbo minatore ed emigrante, probabilmente.

Ma Desolati ce lo ricordiamo poco.
Gentile, invece, ce lo porteremo dentro per sempre. Perché a un certo punto ci fu bisogno di lui, per vincere quel Mondiale lì… Quello degli uomini straordinari.
Per sistemare ben bene Sua Maestà Zico e mettere a cuccia il grande Diego Maradona, “El Pibe de Oro”: nelle due marcature a uomo più celebri della storia del calcio. Che oggi ci appaiono fin troppo truculente, e (applicate al football attuale) comporterebbero l’espulsione diretta dopo nemmeno un quarto d’ora.
E noi a dire di no: a difendere fino alla morte Claudio Gentile. Lui e quelle maglie numero dieci strappate, simbolo del nostro trionfo. E financo a ribadire l’estetica della guerra, quella autentica: quando non esistevano i fucili, e i cavalieri combattevano a fil di spada: e vinceva sempre il più valoroso.
Nessuno era più valoroso di Claudio Gentile. Campione del Mondo nelle notti di Spagna 1982.
E poi campione di tante altre cose: con quella Juve lì, che fu la Juve più forte di tutti i tempi.

Poi, lo sbatterono fuori dall’Under 21. Fino ad emarginarlo del tutto, roba di una decina di anni fa.
Il motivo non si è mai saputo; qualcuno lo spiega con il carattere dell’uomo, poco disposto ai compromessi con un ambiente che invece è corrotto dalle fondamenta. E anche per questo (ma non solo) sta ormai scivolando nel terzo mondo calcistico.

Io, Gentile, me lo ricordo ad una trasmissione televisiva, giusto un paio di anni fa: dove lo riempirono di complimenti e alla fine gli fecero vedere la sua maglia bianconera… La numero due: quella con le righe sottili, il numero bianco sulla toppa nera e lo scudetto cucito sul petto.
E stavolta, il vecchio guerriero non riuscì a trattenersi.
“Voi non potete nemmeno immaginare cosa possa significare questa maglia…” , disse.
E scoppiò a piangere.

Mi parve un uomo semplice, e perbene: e pensai subito a quale abisso di infelicità si fosse ormai ridotto il nostro calcio.
Talmente infelice da fare del male anche ad un campione così.
Così straordinario.

Tanti auguri, Claudio Gentile.

 

 

gen

Un commento

I commenti sono chiusi.