CI SONO GOL CHE RIMANGONO…QUELLO DI HATELEY E’ UNO DI QUELLI.

Ci sono gol che rimangono…. Il gol di Hateley all’Inter è uno di quelli. Ottobre 1984: mi sembra di averlo davanti.
E pensare che non fu un gol da passare alla storia: uno di quelli che ti fa vincere uno scudetto, o una coppa. ci fu vinto, invece, un anonimo derby autunnale tra due squadre che vivacchiavano a metà classifica all’ombra del Verona di Bagnoli, della Juve di Platini e persino del Toro di Comi, Leo Junior e Aldo Serena.
Ma fu bello il gol.
E ancora più bella, la foto che lo immortalò: dove si vede Hateley che vola in cielo e lascia a terra Collovati, il “traditore” Collovati. quello che non aveva accettato la serie B con il Milan ed era passato all’Inter.
Hateley è bellissimo, come han da essere i centravanti che popolano i nostri sogni: quelli che travolgono tutto e non hanno paura di niente.
Era un Milan simpatico e sfigato, quello di Hateley. Che cercava di rifarsi una verginità dopo due retrocessioni in B e lontano anniluce dalle stelle e le patacche sulla maglia che arriveranno dopo (“il club più titolato al mondo” esibito anche sulla carta da lettere)…. e quell’Inglesone forte di testa sembrava proprio il centravanti ideale per sognare, dopo anni di Calloni e Tosetto, Chiodi e Antonelli, il pippone Blissett e “lo Squalo” Jordan. Quello stacco imperioso in un San Siro gremitissimo (succedeva spesso, allora) aprì ufficialmente lo spettacolare inverno 1984-1985; quello che ho descritto nel racconto del Brogioni (per chi ha letto il libro). L’inverno dei Duran Duran e degli Spandau Ballet, di Pippo Baudo il sabato sera in tv e di “Drive In”. L’inverno del freddo polare che seccò gli ulivi e di Mark Hateley, appunto.
Chissà cosa farà adesso, quest’ Inglesone che poi non lasciò praticamente tracce?
Me lo immagino un cinquantenne grassoccio, con le guance rosse. Probabilmente anche calvo, lui che aveva lunghi capelli neri e pareva una rockstar…
Sarà meglio che non lo veda, allora.
Preferisco continuare a immaginarlo lì, fissato da quell’instantanea nel cielo di San Siro.
Bello come l’inizio di “Pride” degli U2 (1984): oppure “The Power of Love” dei Frankie Goes to Hollywood (sempre 1984).
Bello come il calcio di trent’anni fa.
E noi che lo vedevamo con gli occhi dei diciottenni.. 

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...